Il doppiaggio nel mondo

Il doppiaggio nel mondo

Il doppiaggio nel mondo

Doppiare un film straniero nella lingua compresa dagli spettatori significa tradurre il copione, adattare la traduzione e, infine, sostituire le voci degli attori originali con quella della lingua di destinazione.

In alcuni Paesi, però, il doppiaggio non esiste, oppure esiste solo per alcuni prodotti audiovisivi.

Andiamo a scoprire quali sono.

 

Indice degli argomenti

 

In quali Paesi si doppiano i film?

 

Esistono Paesi in cui il doppiaggio è presente in praticamente tutti i prodotti audiovisivi.

Ne esistono altri, invece, più restii al doppiaggio, in cui vengono aggiunti sottotitoli tradotti al film o alla serie televisiva per permettere al pubblico di capire i dialoghi e di immergersi nella storia.

Quindi, in quali Paesi si doppia e in quali non si doppia?

I nuovi prodotti audiovisivi e cinematografici fanno il giro del mondo sempre più velocemente grazie alle nuove tecnologie e agli innovativi metodi di streaming presenti ormai nelle nostre vite.

Di conseguenza, anche il doppiaggio nel mondo ha preso sempre più piede, anche se in modo diverso a seconda del Paese di destinazione.

Esistono Paesi in cui il doppiaggio regna indisturbato, con splendide voci di attori che interpretano i ruoli più disparati.

Come ad esempio il nostro, l’Italia.

 

Il doppiaggio in Italia

 

Basta pensare alla voce in italiano di Meryl Streep in Mamma mia!, della grande interprete Rossella Izzo, per sognare di fare un tuffo tra le onde delle romantiche isole greche.

Oppure immaginarci l’imponenza del Titanic con Francesco Pezzulli, che prestò la sua voce a Leonardo Di Caprio nel film cult del 1998.

Il nostro Paese è considerato come uno dei migliori per quanto riguarda il doppiaggio, anche non siamo gli unici a esserci specializzati in quest’arte.

La particolarità del doppiaggio italiano è la varietà di voci presenti, perfette per diversi personaggi, e la loro impressionante capacità di adattarsi ai copioni, alle storie, agli attori dei lungometraggi originali.

Ogni film tradotto dall’inglese all’italiano non avrebbe ricevuto il medesimo successo se fosse stata sbagliata la voce dell’attore principale, ad esempio.

Dopo una traduzione e un adattamento impeccabili, le grandi voci dei nostri interpreti italiani sono essenziali per trasformare un semplice film in un’opera d’arte.

 

Il doppiaggio nel mondo

 

La diffusione dei prodotti audiovisivi varia da Paese a Paese, e così il loro approccio alla traduzione e alle tecniche di doppiaggio.

I Paesi in cui si doppiano i film in Europa sono Italia, come abbiamo visto sopra, Francia, Germania e Spagna.

Nelle sale cinematografiche di questi Paesi, non viene generalmente utilizzata la tecnica del sottotitolaggio, e lo spettatore può immergersi totalmente nella storia senza necessità di seguire una sorta di copione riprodotto sullo schermo.

 

Il doppiaggio in America Latina, Cina e India

 

In America Latina, ad esempio, vengono doppiati in spagnolo i film, i cartoni animati e le serie TV trasmessi sui canali gratuiti, mentre al cinema si utilizza il sottotitolaggio.

Per quanto riguarda la Cina, i film, i cartoni e le serie TV in lingua straniera vengono doppiati in cinese mandarino fin dagli anni 30 del secolo scorso.

Anche in India, si fa doppiaggio di film in hindi, nonostante l’inglese sia parlato da tutta la popolazione in quanto ex colonia britannica.

 

Il doppiaggio in Russia, Polonia e Mongolia

 

In Russia, in Polonia e in Mongolia viene utilizzata la tecnica della voce fuori campo in televisione, mentre al cinema vengono applicati sottotitoli con la traduzione nelle rispettive lingue ai film riprodotti.

Solitamente la voce fuori campo di questi stati è abbastanza inespressiva, e ha l’unico scopo di fornire la traduzione di quanto detto dai dialoghi, per far capire in modo molto didascalico e tecnico quello che succede nella storia a chi guarda.

 

Il doppiaggio a Hong Kong, in Israele e nei Paesi di lingua araba

 

A Hong Kong invece doppiano tutto in cantonese, tranne per i prodotti audiovisivi in lingua inglese o cinese mandarino.

Invece, nei Paesi di lingua araba, si prediligono i sottotitoli, e solo i cartoni animati per bambini vengono doppiati.

In Israele non si doppia molto, ed è comprensibile data la peculiarità poliglotta di questo stato. Anche in questo caso, il doppiaggio viene utilizzato solo per i prodotti televisivi e per i programmi per i più piccoli.

 

Il doppiaggio in Sudafrica e in Oceania

 

Anche il Sudafrica è terra di doppiaggio cinematografico, stavolta in lingua afrikaans. Tuttavia, la traccia originale rimane sempre udibile, come una sorta di voice-over.

Nei Paesi dell’Oceania il doppiaggio invece è praticamente inesistente: essendo l’inglese la lingua ufficiale, la maggior parte delle produzioni televisive e cinematografiche non sono un problema per l’audience di destinazione.

 

In quali Paesi si doppia solo film per bambini?

 

Oltre ai Paesi di lingua araba, anche negli Stati Uniti e in Canada si esegue il doppiaggio di prodotti audiovisivi solo per bambini.

Ai film stranieri riprodotti nelle sale cinematografiche vengono applicati dei sottotitoli, cioè delle linee di testo a tempo che si susseguono in base al dialogo del film.

È una tecnica diversa rispetto al doppiaggio, in cui non è previsto l’inserimento di voci che sostituiscono quelle degli attori del lungometraggio.

Un esempio di traduzione di uno dei prodotti audiovisivi italiani più famosi negli Stati Uniti è La vita è bella del premio Oscar Roberto Benigni.

Nelle sale cinematografiche di tutto il Paese, la voce del nostro caro attore risuonava con il suo spiccato accento toscano, accompagnata da strisce di traduzione per far capire al pubblico la storia di questo capolavoro.

Ma anche in Portogallo, Norvegia, Danimarca, Svezia, Grecia, Islanda, Croazia, Paesi Bassi il doppiaggio è una tecnica utilizzata prevalentemente per i video per bambini, e si usa il sottotitolaggio come metodo di traduzione per la maggior parte dei prodotti di entertainment.

 

Il doppiaggio italiano è il migliore del mondo?

 

Secondo l’audience italiana, il doppiaggio italiano è sicuramente il migliore che esista in tutto il globo.

Tuttavia, per i consumatori di prodotti audiovisivi di altre lingue e nazioni, le opinioni potrebbero essere discordanti.

Per noi italiani, la voce di Tonino Accolla nel doppiaggio di Homer Simpson nella serie TV omonima è insostituibile, impareggiabile, unica nel suo genere.

Ma cosa ne pensano gli spagnoli, ad esempio, della voce del loro Homer Simpson, il famoso doppiatore Carlos Revilla?

Non esiste una risposta a priori, ma piuttosto opinioni di spettatori affezionati al suono della voce del loro personaggio preferito, che sarà insostituibile, impareggiabile e unico nel suo genere.

Nel caso del doppiaggio italiano, possiamo comunque affermare la presenza di scuole molto famose nel nostro territorio.

L’accademia del doppiaggio, con sedi in tutta la penisola, ne è un esempio lampante.

Queste strutture hanno dato luce ad artisti di una bravura eccezionale, capaci di farci sognare o addirittura innamorare di personaggi, film e serie TV.

 

La traduzione nel doppiaggio italiano cinematografico

 

Le voci dei nostri artisti è inconfondibile, e su questo non ci piove.

Ma per rendere quest’arte ancora più eccelsa, è importante ricordare il progetto di doppiaggio per intero, dall’inizio alla fine, che prevede una traduzione del copione, l’adattamento della traduzione e, infine, il doppiaggio vero e proprio.

Anche in questo caso, il processo di traduzione audiovisiva è molto importante, in cui è essenziale captare ogni frase, modo di dire o gioco di parole, e riproporla in lingua target per il pubblico finale, per non perdere neanche una sfumatura.

Ovviamente, esistono molti prodotti audiovisivi in lingua inglese con sottotitoli in italiano, come nel caso di video per bambini su YouTube Kids (le famose nursery rhymes), estremamente utili per iniziare i più piccoli alla lingua inglese.

Tuttavia, praticamente tutti i film e le serie TV trasmesse in Italia passano da processo di doppiaggio prima di essere lanciati al grande pubblico.

Netflix, Sky, Dzone, Rakuten, Disney+: nessuna di queste importanti piattaforme può fare a meno di donare ai personaggi dei loro prodotti le voci più belle del mondo qui in Italia.

E noi, in qualità di utenti e traduttori, ne siamo ben felici.

Social share:
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram

Richiedi un preventivo

Raccontaci il tuo progetto senza impegno, sapremo trovare la soluzione più adatta a te.
scrivici

Recent posts

+39 030 799 7517

Lumezzane, Brescia (IT)

All rights reserved 2022 © SoundTrad | P. IVA 04121190989 | Numero REA: BS – 590018

Privacy Policy